RAT-NEWS

FORSE E' LA VOLTA BUONA...

Pronto?
Permesso?
Come si dice quando fai queste cose? Quando "posti" qualcosa su un sito che non sai ancora se sei capace? Si dice "Pronto" o "Permesso"? L'educazione, prima di tutto, poi uno quando è dentro mette i piedi sul tavolo e fa un sacco di danni, giusto per impressionare gli ospiti, ma all'inzio c'è o "pronto" o "permesso". Che valgono anche come educazione sessuale. Non fatevi mai cogliere impreparati, mi raccomando! Quando siete lì con il/la/lo vostra/o/um partnersss, ricordatevi sempre: o "pronto" o "permesso" e non farete mai la figura di quello che non sa bene cosa succede.
Se Marco Cecini e Stefano Munarini (di seguito "LORO") mi hanno insegnato bene, tra pochi minuti vedrete queste cose sul nuovo spazio messo a mia disposizione. Ovunque esso sia. Ma a questo ci penso dopo. Una cosa alla volta.
Oggi sono più o meno in riposo. Ho chiuso ieri la seconda parte della nuova saga dei SACRIFICABILI. Saranno 46 pagine, dal titolo "E QUALCUNO MORIRA'!” che è un titolo un po' spoiler, come si dice in gergo, provincia di Campobasso. Ma del resto ho sette protagonisti, un po' di mistero resta. Mica come i Fantastici Quattro che, dopo 50 anni, con un colpo di scena incredibilmente mai visto prima, hanno deciso che uno dei 4 morirà. Chi sarà? Che emozione! Non vedo l'ora di leggere questa incredibile storia!
....
Scusate, ho sbadigliato. Scusate.
Bene! E quindi?
E quindi la verità è che dopo avere lavorato come un pazzo per un mese,adesso ho uno studio che fa pietà, pare che ci sia scoppiata dentro una bomba-carta. Ah!Ah!Ah! Una bomba- carta! Ah!Ah!Ah! Capite?..."Bomba-carta!"...Ah! Ah!... Eh?... Ah!... No, eh?...Dai, non è difficile...lo studio di un fumettista...bomba-carta...
  Niente. E allora cosa posso raccontarvi, che valga la pena essere venuti qui a curiosare? La prima cosa che mi passa per la testa su Rat-Man? Sapete che mi spiace, che finisca? Dopo tanti anni ci ero affezionato e sono consapevole che non ci sarà mai più qualcosa come lui, nella mia produzione futura. O sì? A esempio, I SACRIFICABILI. Per me è un buon esercizio a livello di scrittura perché, anzichè avere un protagonista principale e tanti comprimari, ho tanti protagonisti. Lo stesso problema che si è trovato Stallone quando ha dovuto fare il suo film THE EXPENDABLES. (Devo ricordarmi di chiedere a LORO come faccio a linkare i siti, che in questo caso ci stava bene far vedere di che film sto parlando e spiegare che Stallone non è il soprannome di uno con cui ho avuto una storia). Ogni protagonista richiede il proprio spazio e così non è possibile fare una storia breve, fatta solo di gag. Oppure è possibile, ma non lavoro più così. Sentito? “Non lavoro più così, amico!” Sembro uno di quelli che nei film d’azione li vanno a cercare per svolgere un ultimo incarico e lui, che si è ritirato sulle Api Svizzere a fare la grundaela, tipico formaggio della Val del Brugn, fatto spremendo direttamente le capre, dice “Non lavoro più così, amico”. Poi invece non è vero, lavora sempre così ma semplicemente non può dirlo subito sennò il film dura cinque minuti.
Insomma, sono lì che sto scrivendo un sacco di cose per questa saga e piano, piano stanno saltando fuori tutti gli elementi per farne una bella serie. Dopo RAT-MAN ci sarà RATTO? Chi lo sa. Sarebbe bella. Certo, niente sarà più come RAT-MAN, ma possiamo anche dire “per fortuna”, no?
O siete di quelli che vogliono un fumetto che va avanti per 50 anni, come i Fantastici Quattro, che poi per farli andare avanti ne devono uccidere uno a turno? “Susan?” “Tocca a te, tesoro!” E Susan: “ANCORA?!?”
Non vi scoccia che loro muoiano e poi tornino sempre, mentre voi, dopo 50 anni magari morite, ma col cavolo che tornate in edicola a comprare i Fantastici Quattro?
Ecco la mia prossima storia! Un lettore di fumetti muore. E poi torna dopo due anni!Non male, eh?…Eh?…
Vabbè, vado a pulire il bagno, che fa schifo.